consigli utili_

Consigli di primavera_

Con la primavera la stagione vegetativa riparte a nuova vita. Durante la primavera consigliamo le concimazioni e i trattamenti fitoregolatori per il rinverdimento del prato. Questi trattamenti non sono tossici e si degradano naturalmente nel terreno in poche ore. Eventuali fallanze del tappeto erboso vanno sistemate e seminate a nuovo.

Gli amanti del tappeto erboso di qualità possono eseguire i trattamenti per il controllo preventivo delle erbacce quali il pabbio. E’ questa la stagione più opportuna per distribuire prodotti diserbanti, che limitano e controllano la nascita dell’erba, nelle aiuole con fiori ed arbusti.

È questo il periodo più indicato anche per il controllo dei coleotteri che provocano rosure sulle foglie di diversi arbusti. Si possono ultimare le concimazioni organico-minerali su alberi ed arbusti. Le eriche a fioritura invernale vanno potate, mentre rododendri, azalee e camelie vanno concimati in preparazione all’imminente fioritura.

Terminato il freddo invernale si può valutare l’effettivo stato di salute delle piante. Gli esemplari deperiti per il gelo e le nevicate potranno essere riabilitati, eliminati o sostituiti.  Per rose e siepi, specialmente di Lauro ceraso, si possono effettuare i trattamenti di controllo e prevenzione delle malattie fungine: mal bianco, ticchiolatura, ecc.

Con l’arrivo del primo caldo vanno messe a dimora le fioriture stagionali e le erbe aromatiche in vasi e aiuole.

 

Consigli d’estate_

Con il caldo è arrivato anche il periodo di maggior utilizzo del giardino. E’ quindi bene aver previsto e affrontato in anticipo tutte le opere di manutenzione straordinaria del giardino, per limitare gli interventi in questo periodo. I grandi interventi nella stag ione più calda sono infatti sconsigliati, poiché rendono, sia pur temporaneamente, il giardino inagibile. Inoltre risultano sempre poco efficaci per via delle estreme condizioni climatiche.

Occupiamoci quindi in questo momento del mantenimento del verde, rinviando a settembre gli interventi più delicati. Per un migliore controllo delle malerbe sui tappeti erbosi, si consiglia di eseguire un secondo trattamento preventivo.

Una concimazione del tappeto erboso, con azoto a lenta cessione e potassio, mantiene un bel colore verde e rende l’erba più resistente al caldo estivo, alla siccità e alle malattie.

È anche bene ricordarsi di ripetere erbicidi preventivi per il controllo delle infestanti su tappeti erbosi e aiuole. Su rose e piante sensibili al mal bianco proseguire con i trattamenti per rafforzare quanto fatto ad inizio stagione.

Se la stagione è già particolarmente piovosa è possibile si verifichino le condizioni per trattamenti fungicidi sui tappeti erbosi. Sui tappeti erbosi il caldo e l’umidità sono la causa di malattie fungine che in alcuni casi possono fare danni considerevoli.

Le irrigazioni devono essere quindi abbondanti ma intervallate da periodi di pausa.

 

Consigli d’autunno_

Le giornate si fanno più tiepide ed è bello in questo periodo godersi il giardino, allietati dal clima favorevole. È questa la stagione migliore per affidarci l’esecuzione di nuovi tappeti erbosi da seminare.

Una concimazione di fine estate dei tappeti erbosi è utile per la ripresa vegetativa, unitamente a eventuali interventi di arieggiatura e di integrazione delle fallanze, non dimenticando la concimazione pre-invernale ed una eventuale calcitazione.

Riprende il periodo per il trapianto e la movimentazione di piante nel giardino. E’ questo infatti un buon momento per intervenire su piante sofferenti, anche di grossa taglia, con concimazioni organo-minerali in profondità.

Il periodo è particolarmente indicato anche per la messa a dimora di alberi, arbusti e fruttifere. La natura si tinge delle calde cromie autunnali. Godiamoci lo spettacolo delle prime foglie che cadono ammantando il prato di chiazze dorate o scarlatte.

Una volta goduti i colori autunnali, è il periodo migliore per iniziare le potature. La potatura alleggerisce le piante sempreverdi con vegetazione molto folta limitando le rotture di branche in occasione di nevicate.

Le fioriture stagionali possono essere rinnovate con viole e si possono mettere a dimora bulbose per la fioritura primaverile.

 

Consigli d’inverno_

La natura spoglia inizia il periodo di riposo. In caso di clima secco occorre non scordare di irrigare le fioriere, anche in periodi di gelo - meglio in tarda mattinata quando il sole è più caldo. Durante tutto l’inverno, in assenza di nevicate, si possono continuare le potature di alberi ed arbusti.

È questo il periodo più opportuno per le concimazioni con palo iniettore di alberi sofferenti.

Le rosacee vanno trattate periodicamente con sali di rame e concimate con prodotti organo-minerali.

È questo il periodo più indicato per effettuare i trattamenti anticrittogamici per il controllo preventivo delle malattie fungine sulle piante da frutta, ed insetticidi sugli agrumi al riparo per l’inverno.

È bene ricordate di sciogliere il ghiaccio dai vialetti con solfato ammonico (concime azotato) evitando il cloruro di sodio (sale usato sulle strade), i cui residui sono dannosissimi per le piante.

È questo il periodo migliore per ridefinire aiuole e spazi di rispetto attorno agli arbusti e ai tronchi delle piante, smuovendo il terreno e fertilizzandolo.

In caso di PH del terreno basso eseguire una calcitazione sui tappeti erbosi.